Sei in: Skip Navigation LinksHome > News-Primopiano

Emergenza Coronavirus - Riepilogo DPCM e Ordinanza Regionale n. 547 del 17 maggio 2020
Indietro

Sintesi DPCM 17 Maggio 2020 e Ordinanza Regionale 17 Maggio 2020

 

I soggetti con infezione respiratoria caratterizzata da temperatura corporea superiore a 37,5 gradi devono rimanere presso il proprio domicilio.

Obbligatorio l'uso della mascherina protettiva. Non sono soggetti all'obbligo i bambini al di sotto dei sei anni, nonché i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l'uso continuativo della mascherina e i loro accompagnatori.

L'accesso al pubblico a parchi, ville e giardini pubblici è condizionato dal rispetto del divieto di assembramenti e distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. È consentito inoltre l’accesso alle aree gioco all’interno di parchi, ville e giardini ludici a minori con familiari o altre persone abitualmente conviventi o deputate alla loro cura.

E’ consentito svolgere attività sportiva all’aperto anche presso aree attrezzate e parchi pubblici purché nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività salvo che non sia necessaria la presenza di un accompagnatore per minori o persone non autosufficienti.

Per coloro che svolgono intensa attività motoria o intensa attività sportiva, non è obbligatorio l'uso di mascherina o di altra protezione individuale durante predetta attività, salvo l'obbligo di utilizzo alla fine della stessa ed il mantenimento del distanziamento sociale.

Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina in luoghi pubblici e privati.

Chiusi gli impianti nei comprensori sciistici.

Lo svolgimento di manifestazioni pubbliche è consentito solo in forma statica a condizione che siano osservate le distanze sociali.

Sospese le attività di sale gioco, sale scommesse e sale bingo.

Consentito accesso ai luoghi di culto e alle funzioni religiose nel rispetto dei protocolli.

Consentito accesso a musei e luoghi di cultura nel rispetto dei protocolli.

Restano sospesi i servizi educativi in presenza ma si attivano per tutta la durata della sospensione modalità didattiche a distanza.

Restano sospesi congressi, riunioni, meeting ed eventi sociali.

Sono sospese le attività di centri benessere e termali, ad eccezione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza, centri culturali e sociali.

L’accesso a strutture di ospitalità, rsa, hospice, strutture per anziani, è limitata ai soli casi indicati della direzione sanitaria della struttura.

Le attività commerciali al dettaglio si svolgono a condizione che sia assicurato oltre alla distanza interpersonale di almeno un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e nel rispetto dei protocolli.

Le attività di ristorazione sono consentite nel rispetto dei protocolli.

Riapertura dei servizi alla persona nel rispetto dei protocolli.

Restano garantiti i servizi bancari, assicurativi, finanziari, nonché l’attività del settore agricolo.

È consentita la ripresa delle esperienze formative attraverso le modalità del tirocinio anche in presenza.

NB: Resta in ogni caso incentivata la modalità di lavoro agile (uffici, studi professionali, amministrazioni pubbliche...).

Dal 25 maggio riapertura palestre, piscine, centri sportivi, circoli sportivi pubblici e privati, ovvero altre strutture ove si svolgono attività dirette al benessere dell’individuo attraverso esercizio fisico con obbligo di adozione dei protocolli.

Dal 15 giugno è consentito l’accesso di bambini e ragazzi a luoghi destinati allo svolgimento di attività ludiche, ricreative ed educative, al chiuso e all’aria aperta, con l’ausilio di operatori con obbligo di adottare gli appositi protocolli.

Dal 15 giugno consentiti spettacoli in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e altri spazi anche all’aperto con obbligo di adottare gli appositi protocolli.

 
Particolarmente rilevanti i provvedimenti più restrittivi:
Obbligo di utilizzo della mascherina
Monitoraggio della temperatura dei dipendenti da parte del datore di lavoro
Monitoraggio della temperatura per i clienti dei ristoranti

 

Restano in vigore le disposizioni previste nella precedente ordinanza in tema di organizzazione del lavoro

 

Il Sindaco

Osvaldo Palazzini

 
scarica il D.P.C.M.:  
 
scarica l'ordinanza: